Kristin Lewis - Soprano

Recensioni

La Boheme (Mimi) Teatro La Fenice, Maggio 2014

"Da citare le ottime prove di soprano Kristin Lewis, fragile, credibile Mimì, seppur di notevole presenza scenica con la sua voce potente, pulita e ricchissima di sfumature." - Whipart.it Associazione Onlus

______________________________________________________________________________

Un Ballo in Maschera (Amelia) les Chorégies d'Orange, August 2013

"Amelia was young American soprano Kristen Lewis (born in Arkansas) who went directly from the University of Tennessee to Vienna where she has blossomed into a proto-Verdi soprano who also sings Mimi. She possesses a voice of pure, sweet sound, of ample force that she uses in high Italianate style. Plus she has mastered natural looking acting gestures appropriate to big singing." - Michael Milenski, Opera Today.


Verdi Requiem (Soprano Soloist) Dresden Music Festival May 2013

"The attractive voice of American soprano Kristin Lewis... revealing a bright yet pure timbre with a fine projection, heard to its best affect in the Libera me a true highlight of the performance." ~ Michael Cookson Seen and Heard International


Aida (Aida) Vienna Staatsoper March 2013

"Roars of bravas were awarded Kristin Lewis, a “little girl from Little Rock,” who has mastered the Verdi lirico-spinto repertoire in Italy’s major houses over the last few years and for whom the time was right for her Staatsoper debut as Aida. A beautiful woman with a luminous stage presence and a luscious, dark voice, she scored a triumph with her elegant, sensitive phrasing highlighted by ethereal pianissimos, held, seemingly, forever... Her greatest feat was conquering the treacherously difficult Act 3 scena beginning “Qui Radamès verrá?” that leads to the aria “O patria mia,” featuring a notorious exposed mid-phrase high C, and ending in floated pianissimos. I would have to go back to the heyday of Montserrat Caballé for such an exquisitely sculpted rendition... At the reception honoring Lewis after the performance, Staatsoper Intendant Dominique Meyer proclaimed her “the new Viennese soprano.” ~ Larry Lash Musical America Worldwide


Ballo (Amelia) Teatro Regio di Parma Oct 2011

"... così come ha messo a dura prova la vocalità alla fine vittoriosa di Kristin Lewis. Il suo strumento è assolutamente di prim’ordine per calore, timbro e corposa robustezza, ed è gestito con sufficiente accortezza dalla giovane e bella cantante la quale sembra incamminarsi con invidiabile sicurezza sul cammino tracciato dalla gloriosa Leontyne Price." ~ Giorgio Gualerzi


I Pagliacci (Nedda) Teatro San Carlo July 2011

Incantevole scenicamente e vocalmente quasi ineccepibile, Kristin Lewis ha conquistato la scena con personalità seduttiva. L'annotazione “pensierosa” apposta dall'autore all'aria di Nedda “Qual fiamma avea nel guardo!” è stata mediata in canto, mimica facciale e corporea dal soprano di Little Rock. ~ Oltrecultura: Periodico di Informazione, Spettacolo e Cultura.

 

"Incantevole scenicamente e vocalmente quasi ineccepibile, Kristin Lewis ha conquistato la scena con personalità seduttiva. L'annotazione “pensierosa” apposta dall'autore all'aria di Nedda “Qual fiamma avea nel guardo!” è stata mediata in canto, mimica facciale e corporea dal soprano di Little Rock." ~ Oltrecultura: Periodico di Informazione, Spettacolo e Cultura.


I Pagliacci (Nedda) Teatro Massimo Feb 2011

Bravissimi tutti gli interpreti, con una speciale menzione per Kristin Lewis perfetta Nedda/Colom-bina, dalle notevoli capacità canore già affinate, e per Alberto Gazale, che aggiunge alle capacità dell’ugola una innata eleganza attoriale, che ne fa un beniamino del pubblico. All’uscita dal Massimo, verso il mondo “reale” nella “teatrale” piazza Bellini, ci sentiamo tutti un po’ Nedda, che sogna la libertà degli uccelli “che vanno per le vie del ciel”. Noi voliamo con la lirica." ~Scritto da Francesco Nicolosi Fazio - inscenaonline.altervista.org

 

"Da evidenziare in Pagliacci la travolgente interpretazione del soprano lirico spinto americano Kristin Lewis (Nedda), cantante di elevato spessore artistico e di altissima sensibilità musicale." ~ Giovanni Pasqualino www.bellininews.it


Trovatore (Leonora) Teatro Comunale Firenze Oct 2009

7229_1133031729736_1345584367_30346164_5644699_n“The real surprise was the young Arkansas soprano Kristin Lewis; a true soprano assoluto with a very large extension, a pure emission, an excellent coloratura and the skill to go up quite naturally to the highest tonalities and going down, equally naturally, to the lowest. She lives in Vienna and sings mostly in Europe. It is easy to foresee that she will go far.” - Giuseppe Pennisi Opera Today.com


Trovatore (Leonora) Bassano del Grappa Nov. 2009:

“...soprattutto per Kristin Lewis: intenso soprano statunitense, che ha conquistato letteralmente il pubblico con la sua interpretazione di Leonora.”
- Alessandro Tich Bassanonet.it

“Kristin Lewis ha finalmente liberato la forza sentimentale della linea di canto di Leonora, tenendo in equilibrio espressività e tecnica”
- Cesare Galla Il Giornale di Vicenza.it


Aida (Aida) Operaestate Festival Veneto

"Nel ruolo è una giovane statunitense afroamericana, il soprano Kristin Lewis, voce sopraffina, con grandi doti di caratterizzazione e di scavo nel personaggio."
Eva Purelli, Bassano del Grappa November 2008

"Mai visto un incontro padre-figlia, nel terz’atto, più brutale e vero: alle fatidiche gole di Napata si arriva in un crescendo spasmodico di tensione, dai tratti persino animaleschi. E la di Kristin Lewis e l’Amonasro di Marco Vratogna non solo sono quelli che cantano meglio, ma che fanno teatro, come Verdi voleva."
Carla Moreni, Padova November 2008

 

"...espressività sostenuta e buona fecondità tecnica di Kristin Lewis nel ruolo di Aida, che con estrema arditezza comunica stati d’animo variegatissimi, dalla tristezza alla disperazione, alla dolcezza struggente..."
Antonella Iozzo, Blue Arte November 2008


IL Trovatore (Leonora) Teatro Carlo Felice

Felice si è dimostrata la scelta de Kristin Lewis, quale Leonora. Prima di tutto ha timbro pregovole, con un che di intrigante, che è tipico dei soprani neri. Poi ha solita tecnica che le assicura bella linea. Fin dalla sortita può dare coerenza alla melodià, assecondandone l'espansione anche nella regione acuta che ha elastica e incisiva. Si conferma valida contante anche nella scomoda cabaletta, con pregevole esecuzione dei trilli veloci. L'avremmo voluta piu area nella grande frase del Concertato, (Sei tu dal ciel disceso). Si fa ammirare in "D'amore sull'ali rosee", che canta come è scritta, comprese le rare varianti all'acuto, quasi sempre omesse. Dopo il "Miserere" riesce ad arrivare fresca alla micidiale Cabaletta, chiusa con sonoro do. Per questo non teme le agilità del Duetto con il Conte e modula con abbandono, quando intona, "prima che d'altri vivere."
L'Opera April 2008


Aida (Aida) Städtische Bühnen Münster

aidasepia.jpg Glanzvoll die Aida der Kristin Lewis: Mit reizvollem, bis in die tiefen Register gerundeten Klang ließ sie die schwierige Sopranpartie erstrahlen, ohne je forcieren zu müssen. Dass ihre große Stimme selbst ein Piano wie ein leicht abgeschwächtes Mezzoforte klingen lässt, nimmt man als Besonderheit staunend zur Kenntnis – auf diese Weise hatte sie die Möglichkeit, auch in den Auseinandersetzungen mit Aidas Vater Amonasro musikalisch zu dominieren. Und das gab dem Vater-Tochter-Konflikt einen eigenen Reiz, denn Anton Keremidtchiev, der Interpret dieser kurzen Baritonpartie, gestaltete den aggressiven König von Äthiopien sängerisch nicht plakativ, sondern mit Eleganz: Ein starkes Rollenporträt.
Westfälische Nachrichten

 

aida_h1muenster_web.jpg ...Überragend Kristin Lewis in der Titelrolle, die Piano-Töne zauberte, bei denen das Blut in den Adern gefror. Das große Duett Aida/Amneris zu Beginn des zweiten Aktes: zwei vortrefflich zueinander passende Stimmen! Dann Aidas Zwiesprache mit Radames am Nilufer – ganz intensive Augenblicke!
Opernnezt.de

 

...Eine stimmlich begnadete, facettenreiche Aida gab Kristin Lewis in wunderschönem Gewand. Dramatisch, dynamisch differenziert und selbst in höchster Fortissimo-Erregung zu leisen Zwischentönen zurückkehrend, stellte sie beeindruckend die Zerrissenheit zwischen Liebe und Vaterlandstreue dar. Einfach ein Genuss!
Online musik Magazine


Don Giovanni (Donna Anna) Opera Birmingham

Top vocal honors go to Kristin Lewis (Donna Anna), whose rich-hued soprano was as natural as it was confident and powerful.
The Birmingham News April 2006


Don Giovanni (Donna Elvira) Opernfestspiele Heidenhei

"Also of an international level is Kristin Lewis, who as Donna Elvira brings an intoxicating, elegantly produced soprano into play."
Heidenheimer Zeitung July 2005

Kristin Lewis as Donna Elvira portrays a temperamental, jealous wife who wants to win back Don Giovanni. And this she does with a beautiful, strong and dark-timbred soprano voice."
Heidenheimer Neue Presse July 2005


La Boheme (Mimi) Opera Birmingham

la_boheme_140.jpg "Soprano Kristen Lewis answered with wells of emotion, tender beauty and powerful vocal surges. Lewis' Act 4 farewell aria touched the soul."
The Birmingham News - March 2007

la_boheme_101.jpg

La Boheme (Musetta) Sarasota Opera

"Lewis delivered Musetta's music with enormous sound and a saucy stage presence."
Sarasota Herald Tribune February 2006


Dead Man Walking (Sister Rose) Semperoper Dresden

The discovery of the evening has to be Kristin Lewis, who, with her precisely articulated, crystal clear soprano, imparts a personal touch to Sister Rose."
Sächsische Zeitung -May 2006

"Kristin Lewis as Sister Rose plays the piano with virtuosity, but is also affective on the keyboard of the opera's emotion."
Die Welt May 2006